13-01-2012 - Campo piccolo, ancora in negativo

Si auspicava la presenza di tutti gli effettivi per questo quarto raduno di campo piccolo, e invece troppe assenze ingiustificate e qualche assenza giustificata costringono Diamante a giocare con una rosa composta per quasi metà da giocatori under 14, e ovviamente senza il portiere. Per il primo incontro Simone Borzaga si piazza coraggiosamente tra i pali, mentre due linee coadiuvate da alcuni cambi singoli si alternano per contrastare un Algund in gran forma. L’inizio tuttavia lascia ben sperare, finchè non arrivano, un po’ fortunosamente, le prime due reti degli avversari. Diamante non riesce ad esprimere un gioco propositivo e si affida agli errori di Algund per insidiarne le retrovie, ma gli spazi sono ben coperti dall’estremo difensore; servono diversi tentativi a vuoto prima che i biancorossi riescano a rispondere al fuoco nemico, con Concli che conclude un’azione di Müller. Ma nel frattempo Algund ha gioco facile a segnare, e la disattenzione dei nostri in difesa semplifica loro le cose, mentre l’attacco si assopisce. Solo un colpo di coda negli ultimi minuti permette di vedere delle belle azioni, e di risalire di qualche punto chiudendo con un sonoro 11 a 4. Grande prestazione degli avversari in maglia gialloblu.

Voto alla squadra: 5

Voto agli avversari: 8

Voto all’arbitro: 9

A seguire il ritorno contro Ritten Sport, squadra che i nostri erano riusciti a sconfiggere in una partita molto combattuta. Quella che poteva essere una bella occasione se non di duplicare la vittoria quantomeno di mostrare i muscoli, viene totalmente sprecata, al pari di molti altri incontri. Difatti l’avversario è impietoso e colleziona un goal dopo l’altro mentre i nostri non riescono a reagire in alcun modo. Bravo Alberto Rauzi, che in porta si esibisce in alcuni interventi spettacolari, ma è con un orribile 19 a 2 che si chiude un incontro da dimenticare. Una prova di carattere per gli under 14, bene in particolare Alessandro Russo, tuttavia il lavoro da fare su tutta la squadra è molto, non tanto sul piano tecnico quanto su quello della serietà e dell’impegno. Su entrambi i piani si confermano invece Müller, grande motivatore e assist-man, il solido Bicciato e l’implacabile Sallustio.

Voto alla squadra: 4

Voto agli avevrsari: 7

Voto all’arbitro: 7